Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Articoli dal web’ Category

Benevento, 05-03-2011 19:50
Riprende con virulenza la lotta interna al Centro Servizi di Volontariato. Ma ora c’è anche una sentenza del giudice…
Dice il movimento “Giù le mani dal volontariato”: L’impressione è che si voglia solo proteggere una gestione “ristretta” dell’importante e sostanzioso budget che ammonta a circa 700mila euro l’anno…
Redazione Gazzetta di Benevento (altro…)

Read Full Post »

‘Acerra, omissioni sui dati di inquinamento’

OMISSIONI sui dati di inquinamento ad Acerra e l’ ombra dei clan, non dietro le ultime proteste, ma nella gestione delle discariche. Due accuse. Pesanti. E chiare. Il procuratore della Repubblica di Nola, Paolo Mancuso, davanti alla Commissione parlamentare per il ciclo dei rifiuti parla di una «situazione connotata, in questo momento, dalla cifra della confusione» con la difficoltà, «addirittura, da parte degli enti accertatori di poter entrare in possesso dei dati per una valutazione sui possibili rischi di inquinamento». (altro…)

Read Full Post »

Trivellazioni Bp al largo della Libia, insorgono opposizione e ambientalisti

Realacci: presto interrrogazione a 3 ministeri

25 luglio 2010 – ANSA

Trivellazioni Bp al largo della Libia, insorgono opposizione e ambientalistiROMA – L’annuncio da parte della BP di aprire una esplorazione petrolifera al largo del Golfo della Sirte in Libia ”e’ una notizia che desta grande preoccupazione. Il governo italiano deve intervenire con urgenza e promuovere, a livello internazionale, la richiesta di una moratoria per lo stop a nuove trivellazioni nel Mediterraneo”. E’ quanto afferma Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd annunciando un’interrogazione parlamentare ai ministeri degli Esteri, dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente.

La nuova trivellazione prevista dalla British Petroleum, aggiunge in una nota Realacci ribadendo quanto affermato sul Financial Times, ”e’ particolarmente critica perché si dovrebbe effettuare a grandi profondità e questo è un elemento di ulteriore insicurezza in caso di incidente. Se quello che sta accadendo in Messico accadesse nel Mediterraneo, un mare chiuso e con un ricambio lentissimo, sarebbe una sciagura senza eguali. Il nostro paese, per la posizione geografica e politica che ha nel bacino del Mediterraneo, ha il dovere di essere capofila in un’azione internazionale di tutela dei nostri mari e fare pressione presso il governo libico per fermare questa nuova trivellazione”.
(altro…)

Read Full Post »

Qualiano. Il sindaco Salvatore Onofaro scrive al Presidente delle Rapubblica Giorgio Napoletano, al Comando di Polizia Provinciale di Napoli ed al Prefetto per stigmatizzare e denunciare nuovamente la recrudescenza di roghi di rifiuti che interessano il comprensorio del Giuglianese. “Un appello, un grido dettato da ragioni umane ed istituzionali per fare fronte comune ed estirpare dalla radice questo avvilente e nefasto fenomeno intriso di inciviltà, illegalità e che mortifica la vita e la legalità” dichiara il primo cittadino. (altro…)

Read Full Post »

Agrobusiness e speculazione: così la grande finanza sta affamando il Pianeta

dal Fatto Quotidiano del 26 luglio 2010 – di Matteo Cavallitto

La denuncia del World Development Movement (WDM): dietro la clamorosa impennata dei prezzi degli alimentari c’è l’insaziabile avidità di banche e fondi speculativi

Il finanziere Georges Soros

Scommettendo al rialzo sull’andamento dei prezzi delle materie prime le grandi banche e i principali fondi speculativi (Hedge funds) hanno contribuito in modo determinante ad affamare i Paesi più poveri del mondo sperimentando un sistema che, a qualche anno dal collaudo, continua a generare profitti vergognosamente elevati. E’ la durissima accusa lanciata dal World Development Movement (Wdm), una Ong londinese attiva da anni nelle campagne per la lotta alla povertà, nel suo rapportoThe great hunger lottery: How banking speculation causes food crises” pubblicato in questi giorni. (altro…)

Read Full Post »

“Il calcio è inquinato dalle mafie” – 16/7/2010 – LA STAMPA.it (altro…)

Read Full Post »

Pagine Utili (agli speculatori) – di Daniele Martinelli
Tra le tante migliaia di disoccupati che la televisione del regime nasconde, c’è anche la realtà di 40 cassintegrati di Pagine Utili, edito da Mondadori. Si sono riuniti in protesta a Milano in via Paleocapa, davanti alla storica sede della Fininvest per chiedere garanzie al loro futuro.
La storia. La vicenda riguarda la Pagine Utili srl della Società Editoriale Annuaristica Srl, costola di Publitalia e del gruppo Fininvest, il cui fondatore e amministratore delegato era il co-fondatore di Forza Italia Marcello Dell’ Utri.

Pagine utlili, nonostante gli utili li facesse davvero, è stata sempre mantenuta in perdita per poter usufruire dell’ aiuto economico di Fininvest, che in questo modo faceva girare ingenti somme di denaro a fronte di un formale giustificativo.
Esaurito lo scopo del giochetto Pagine utili è stata ceduta in due trance all’ ingegner Alessandro Falciai, già proprietario di DMT, che nell’aprile del 2008, con pochi spiccioli, l’ha acquisita accollandosi 40 milioni di euro di debiti. Dopo l’acquisto, Falciai ha subito speso altri 500 mila euro per ristrutturare l’azienda, che ha poi messo in liquidazione il 29 dicembre 2008. Dopo soltanto 8 mesi.

I lavoratori, che in quel periodo erano in ferie obbligate, hanno saputo della messa in liquidazione di Pagine utili da un articolo apparso sul “Sole 24 ore”. Sempre in quei giorni l’amministratore delegato della società è stato ricollocato alla DMT di Falciai, mentre altri dirigenti e funzionari sono tornati in Publitalia. Un altro ancora è finito all’ Expo 2015 per la modica cifra di 240 mila euro l’anno. Dirigenti che hanno continuato a percepire gli emolumenti anche dopo la messa in liquidazione di Pagine utili, che nel frattempo sono sparite dalla circolazione. Tra loro anche i senatori Massimo Palmizio e l’ex Romano Comincioli, entrambi del Pdl.

I 40 lavoratori cassintegrati dall’aprile del 2009, sono sul piede di guerra perché ritengono di essere stati usati da una società “servita a garantire loschi interessi di speculatori senza scrupoli”. Oggi, nonostante le promesse, si  ritrovano senza prospettive di impiego. Perciò si sono riuniti in protesta davanti alla sede Fininvest di via Paleocapa a Milano.
Dall’ultimo incontro avvenuto in Confcommercio il 14 maggio tra sindacati e dirigenza, non sono emerse iniziative da parte dei dirigenti Publitalia per ricollocare i dipendenti. Che rimarranno in cassa integrazione fino a fine 2010. Dopo di ché, salvo miracoli, dovranno arrangiarsi.

Ultimo dettaglio: al presidio di protesta nel centro di Milano non c’erano televisioni presenti. Nemmeno quelle locali.

http://www.danielemartinelli.it/2010/07/06/pagine-utili-agli-speculatori/

Read Full Post »

Older Posts »