Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Slow Food Benevento’ Category

Slow Food Benevento, il 7 dicembre, presso la libreria Masone
 presenta il libro Menesta asciatizza
A tavola con le piante spontanee dell’Appennino meridionale
Un testo sulle erbe e non solo di Franca Molinaro

Per il formato pdf: Terra Madre libro Menesta 

Read Full Post »

 
Il GAF (Gruppo d’Acquisto Fotovoltaico) “Sole in Rete” incontra la cittadinanza beneventana
Giovedì, 24 novembre 2011, ore 18.30, Auditorium Sacro Cuore (chiesa dei Cappuccini, via Meomartini) (altro…)

Read Full Post »

“Compra una quota di futuro per i tuoi figli”. Campagna a sostegno del Ricorso al TAR promosso dal WWF Italia avverso la centrale a turbogas a Ponte Valentino

Il 12 e 13 novembre, a piazza Torre, sottoscrizione di quote per procedere al ricorso

Il WWF Sannio, affiancato dalle Associazioni della Rete Arcobaleno, promuove la campagna di raccolta fondi “Compra una quota di futuro per i tuoi figli” a sostegno del ricorso presentato al TAR dal WWF Italia contro l’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) rilasciata dal Ministero dell’Ambiente alla società Luminosa il 26 luglio scorso per realizzare una centrale a turbogas nell’Area di Sviluppo Industriale di Ponte Valentino, nel territorio comunale di Benevento.

La campagna sarà una battaglia di civiltà contro una mega centrale della potenza di 385 mega watt che porterà i profitti in Svizzera e produrrà energia per le altre province, causando danni all’ambiente ed alla salute dei beneventani. L’impianto, se entrerà in esercizio, provocherà il surriscaldamento delle acque del fiume Calore e l’emissione nell’aria di CO2, biossidi e ossidi di zolfo, polveri sottili e ultrasottili che ricadrebbero in gran parte nelle vicinanze e nella conca beneventana, producendo gravi conseguenze sulla salute degli abitanti, come allergie, malattie respiratorie, cardiovascolari e tumorali, sul paesaggio e sull’ambiente, e  sull’economia del territorio almeno nelle vicinanze dell’impianto per la diminuzione del valore degli immobili e dei terreni e inficiando la sicurezza agro-alimentare della produzione locale.

Sarà un’azione di cittadinanza attiva per l’autodeterminazione del territorio contro un’opera voluta dalla Regione Campania e dal Governo centrale, sebbene avversata dal Comune e dalla Provincia di Benevento.

La raccolta fondi avrà come protagonisti i cittadini che mediante la sottoscrizione volontaria di quote da 5 euro parteciperanno al sostenimento del ricorso al TAR attivando una forma di tutela collettiva contro il funzionamento della centrale.

Sabato 11 e domenica 12 novembre, a Benevento, il WWF Sannio e le Associazioni della Rete Arcobaleno incontreranno i cittadini presso il gazebo informativo in piazza Torre, davanti alla Basilica di San Bartolomeo.

Le sottoscrizioni continueranno presso le sedi delle associazioni sostenitrici della campagna: WWF Sannio; Rete Arcobaleno Benevento; Lipu Benevento; GAS Arcobaleno Benevento; Codisam di Sant’Arcangelo Trimonte; Lerka Minerka; Slow Food Benevento; La Cinta onlus; Januaria, natura e cultura; Emisfero Sud, Bottega del Commercio Equo; Comitato civico di San Salvatore Telesino; A Guardia dell’Ambiente, Guardia Sanframondi; La Città di Eufemia, San Lorenzello; Club Alpino Italiano, sezione di Benevento; E’ Più Bello Insieme, centro per disabili.

Read Full Post »

(altro…)

Read Full Post »

Festa dell’OASI  WWF del Lago di Campolattaro
formato testo (altro…)

Read Full Post »

(altro…)

Read Full Post »

Sabato e domenica, 18 e 19 settembre 2010 con Rete Arcobaleno.
Escursioni con Lerka Minerka e CAI Club Alpino Italiano BN
Laboratori della rinascita – Piazzetta dell’EcoVicinanza con associazioni ecosolidali, produttori locali e artigiani.
Giochiamo con lentezza. Musica e tavolate.

Read Full Post »

Slow Food Benevento per “I Colori del cinema” con il docufilm “Terra Madre” di Ermanno Olmi, venerdì, 17 settembre 2010
  
Venerdì, 17 settembre 2010, ore 20.30, presso il Caff’Emporio (libreria Masone di Benevento), Slow Food Benevento sarà protagonista de “I colori del cinema“, rassegna della biodiversità e della coesione sociale.

Intervengono Maria Elena Napodano (Slow Food Benevento), su “Terra Madre, comunità dell’apprendimento e culture popolari”, ed Erasmo Timoteo (Slow Food Benevento), su “Terra Madre, economia di piccola scala e alternativa alla globalizzazione
 
Segue il film documentario “Terra Madre” (Italia 2009, 78 min) di Ermanno Olmi. Nel rendere omaggio alla manifestazione con cui Slow Food aggrega le comunità del cibo del mondo,  il maestro del cinema propone il proprio punto di vista sul grande tema del cibo e sulle implicazioni economiche, ecologiche, sociali ad esso correlate. Ermanno Olmi costruisce un documentario, un film d’inchiesta limpidamente autoriale, che fa i conti con il destino del pianeta.
 
A conclusione dell’evento, momento conviviale con aperitivo del territorio a cura di Slow Food Benevento.

Read Full Post »

Read Full Post »

Il programma della giornata prevede, alle ore 8.30, un raduno a Benevento, in piazza Risorgimento; alle ore 9,30, un raduno a Morcone, nel parcheggio del supermercato Eurospar. Alle ore 10,00, è prevista la partenza per raggiungere il sentiero che porterà al “Ponte della Vedova” (se il tempo sarà clemente, si potrà proseguire per contrada Macchia). Al ritorno, ore 13,30, festeggiamento presso l’Auditorium San Bernardino.

Read Full Post »

Read Full Post »

Terra Madre Campania

Napoli – Mostra d’Oltremare

4-6 dicembre 2009

 

 Programma

 Venerdì 4 ottobre ore 16.30

Apertura Terra Madre Campania con la partecipazione di Carlo Petrini

Al termine proiezione DVD “Gente di Terra Madre” seguita da degustazione dei prodotti delle comunità del cibo

 Sabato 5 e domenica 6 dalle 10.00 alle 19.00

Mercato delle comunità del cibo e dei Presìdi campani con esibizioni musicali delle comunità sonore

 Sabato 5

Seminari della terra

Ore 11.00 “Latte: questione di erbe”

Il termine generico “latte” non rende giustizia a tutti quegli allevatori impegnati nell’alimentare i bovini con foraggi dei prati a breve distanza dall’allevamento. Le differenze possono essere notevoli sotto il profilo nutrizionale ma anche quello organolettico. Proviamo a capire il perché.

Ore 15.00 “Parchi e produttivi”

Approfondimento dedicato ai Parchi nazionali e regionali, aree protette in cui il vincolo ambientale può costituire un’importante risorsa per agricoltori e allevatori, paladini della biodiversità alimentare.

Ore 17.00 “Contadini e cuochi: un’alleanza naturale”

Un tentativo ambizioso di costruire un percorso breve e trasparente del cibo, dai campi alla tavola di ristoranti e osterie, con il contributo di alcune esperienze significative già realizzate.

Laboratori del Gusto

Ore 11.00 “Le piccole vigne a Terra Madre Campania”

Un vitigno, un viticoltore, un territorio: la bottiglia. Falanghina, Fiano, Greco, Piedirosso, Barbera e Aglianico, espressioni di piccole vigne e autentici viticoltori.

Ore 14.00 “Presìdi vivi e vegetali”

I colori dei presidi compongono un caleidoscopio ricco di emozioni: rosso, giallo, verde. Esempi di sostenibilità e di pratiche rispettose delle materie prime oggi ci forniscono una tavola logica di comparazione delle differenze tra le produzioni industriali e non.

Ore 17.00 “Formaggi d’alta quota”

Un’occasione in più per portare alla ribalta pecorini e caciocavalli ottenuti dai pascoli di montagna, in condizioni spesso disagiate e faticose per gli allevatori ma che possono garantire notevoli vantaggi dal punto di vista organolettico.

Domenica 6

 Ore 10.00 Parola di contadini

Le comunità del cibo portano testimonianza della propria esperienza, attraverso storie, racconti e immagini. Saranno invitate a raccogliere le testimonianze enti e istituzioni da tutto il territorio regionale.

Laboratori del Gusto

Ore 11.00 “Il salume?  … sono io!”

Presìdi, quasi presìdi e rarità, trovano spazio laddove la geografia non sembra darne. Il racconto di piccoli produttori introdurrà i partecipanti in un universo di emozioni e suggestioni.

Ore 14.00 “Tutte le forme del pane”

Una panoramica sensoriale sulle varianti del cibo quotidiano per antonomasia, dalle più diffuse a quelle più sconosciute.

 Ore 17.00“Tesori nei baccelli”

Fagioli, ceci, lenticchie e cicerchie dai luoghi più nascosti della Campania. Un omaggio alle leguminose, fornitrici di proteine a basso costo e a elevata sostenibilità ambientale.

 

La partecipazione ai laboratori del gusto prevede un ticket di 5 euro per i non soci e di 2 euro per i soci l’incasso verrà devoluto a un progetto FAO.

 

Read Full Post »

ScuolAmbiente Galilei 09.indd

Read Full Post »

di CARLO PETRINI

L’agricoltura in Italia determina la formazione del 15% del Pil relativo all’agroalimentare, dà lavoro al 4% della popolazione occupata. Gli addetti sono in costante calo: 901mila nel 2008, 924mila del 2007 e 982mila nel 2006. I giovani sono il 2,9% del totale, anche qui, di lunga molti meno che in Francia e Germania (7,5% circa in entrambi i Paesi). Sono dati che dovrebbero calamitare l’attenzione non solo di chi governa, ma in generale di chi vuole comprendere e analizzare le pieghe dell’attuale crisi e, allontanandosi dagli slogan, provare a capire come sta funzionando il Paese in questo periodo, come si stanno comportando le persone, le aziende, i consumi, le vite reali.
Invece un malinteso senso della modernità e del business porta ormai molti politici ad allontanarsi sempre più dalla considerazione dei territori e delle loro peculiarità ed esigenze, per riferirsi esclusivamente ai mercati per lo meno nazionali, ma preferibilmente internazionali. Il che significa filiere lunghissime, trasporti, monocolture, grande distribuzione, necessità di input chimici per le coltivazioni, apertura agli Ogm. Significa, sostanzialmente, ulteriore industrializzazione del modello agricolo: grandi quantità, uniformità, concentrazione e priorità alle esigenze di chi vende piuttosto che a quelle di chi coltiva e consuma. La parola magica è “competitività”, e quindi “export”, ovviamente riferito al “made in Italy”. (altro…)

Read Full Post »

festa auguri.pmd

Read Full Post »