Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Tufo Daniele’ Category

Il “Coordinamento delle associazioni contro la centrale di Ponte Valentino” aderisce alla manifestazione “Spegni la Luminosa” del 13 novembre 2010
 
Il “Coordinamento delle associazioni contro la centrale di Ponte Valentino” aderisce alla manifestazione “Spegni la Luminosa” che, promossa dal “Comitato NO turbogas”, prenderà via dalla piazza Risorgimento di Benevento, sabato 13 novembre 2010, ore 9, per contrastare l’insediamento della centrale termoelettrica che recentemente ha ottenuto il parere favorevole della Regione Campania.
 
Il “Coordinamento”, che affiancherà anche altre eventuali proposte del “Comitato NO turbogas”, è composto dalle associazioni ecosolidali che già interagiscono in modo propositivo con il territorio, grazie alla Rete Arcobaleno, promuovendo un nuovo modello di sviluppo che, coerente con il XXI secolo, sia capace di nuova occupazionalità, di redistribuzione del reddito, di coesione sociale e di tutela ambientale.
 
La centrale Luminosa, voluta dalla Regione Campania, ma avversata dai nostri enti territoriali, produrrebbe inquinamento a danno di Benevento ed energia a favore di altri territori: non confacente con la vocazione del territorio sannita, ne inficerebbe lo sviluppo rurale e l’indotto turistico ambientale e culturale, unici comparti in espansione nel XXI secolo.
 
Si consideri che la soglia tollerabile di polveri pm10, che non può essere violata per più di 35 volte in un anno, è stata superata a Benevento, secondo le centraline di via Flora e dell’Ospedale civile, per ben 69 giorni, dal 1° gennaio fino al 9 novembre 2010. E’ presumibile che, una volta in funzione la centrale Luminosa, a causa delle sue emissioni, il numero dei giorni di sforamento sortisca un aumento considerevole: a quel punto, per ridurre la quota degli sforamenti, la nostra città dovrà utilizzare una circolazione stradale a targhe alterne. Solo a quel punto, la popolazione avrà una percezione diretta del danno, per la salute pubblica e per l’economia locale, causato dall’insediamento della centrale Luminosa.
 
 
Daniele Tufo
Portavoce del “Coordinamento delle associazioni contro la centrale di Ponte Valentino”
Annunci

Read Full Post »

(altro…)

Read Full Post »

Quando asini e clown presero il posto degli eroi: la “Marcia per il territorio” contro la centrale di Ponte Valentino
Un nostro concittadino, su un blog, ha scritto, con soddisfazione masochistica, che, alla “Marcia per il territorio contro la centrale di Ponte Valentino”, realizzata l’8 dicembre 2009, compresi gli asini e i clown, fosse presente un esiguo numero di partecipanti.

La manifestazione (marcia e raccolta firme) era di opposizione all’insediamento di una centrale termoelettrica che produrrebbe 400 megawatt a beneficio del deficit energetico regionale, ma che pregiudicherebbe un territorio, quello sannita, che assorbe solo il 5% del fabbisogno energetico campano. Se i beneventani accorrono a frotte, solo quando ci si schiera pro o contro Berlusconi o quando si voglia godere dell’ennesimo cinepanettone o quando la città ospita artisti e scrittori imposti dai media nazionali, non è un’evenienza a demerito della manifestazione contro la centrale, ma una manchevolezza a disonore di una popolazione troppo impegnata in cose lontane dalle proprie esigenze primarie (diritto a un’aria, a un’acqua e a un cibo salubri, diritto del contadino a coltivare la propria terra producendo in sicurezza alimentare).

Quelli che combattono per tutelare la salubrità del territorio (la centrale, matematicamente, procurerebbe un incremento dell’incidenza delle malattie tumorali) e la vocazione rurale del Sannio (il 45% delle imprese sannite sono aziende agricole) sono un esiguo numero di individui, come erano solo una piccola minoranza della popolazione quelli che, durante il nazismo, presero posizione, in Germania, contro lo sterminio degli ebrei, come erano in pochi quei partigiani che, a rischio della propria vita, si opposero al nazifascismo.

Qui, da noi, con minimi sacrifici, è possibile tutelare il proprio territorio (e quindi sé stessi) da una strategia che, decisa da lontano, dalle convenienze di partiti e di grandi aziende, con la collaborazione, anche omissiva, degli amministratori locali, vuole, nel corso degli anni, minare le nostre risorse primarie, con progetti che nascono d’imperio, uno all’anno, fra discariche regionali, centrali elettriche, piattaforme logistiche, megaparcheggi, privatizzazione dell’acqua. Eppure, la nostra popolazione è incapace di prendere posizione perché, ormai, questa vive, come in un perpetuo “Grande fratello”, anche quando crede di opporsi all’omonima trasmissione televisiva, frequentando teatri e musei.

La condizione di cittadinanza nasce dalla relazione con un territorio specifico: se non siamo capaci di avere un rapporto consapevole con esso, come possiamo essere cittadini italiani che abbiano da esprimere sulla società e sulla politica nazionali?
Se non abbiamo coscienza del legame con la terra più vicina a noi, cosa possiamo individuare, nei nostri viaggi, in terre lontane da noi?
Se abbiamo perso l’esercizio a godere dei colori, degli odori e dei suoni della nostra terra, cosa possiamo fruire da pittori, poeti e musicisti?

Dove sono quegli uomini colti che, durante la fruizione di un libro o di un film sulla shoah, si dimostrano contro il male gratuito, ma solo con il senno di poi, quando i danni sono ormai irreparabili, quando tutto è acclarato?

Verranno fuori quegli intellettuali, anche questa volta, col senno di poi, quando tutto sarà irreparabile, quando anche le persone più insipienti avranno coscienza della distruzione dei beni primari di un popolazione?

Se la manifestazione contro la centrale era connotata dalla presenza di clown e di asini, gli individui e gli animali più miti e più umili, forse, è già troppo tardi, già tutto è acclarato: televisioni e giornali hanno reso la popolazione locale  incapace, più di clown e di asini, nel prendere posizione?

Alessio Masone
per il “Coordinamento delle associazione e dei comitati contro la centrale di Ponte Valentino”  

 

Marcia per il territorio – Ponte Valentino – Foto di Marcello Stefanucci

 

Marcia contro la centrale - Foto di Marcello Stefanucci

  

Marcia per il territorio contro la centrale - Foto di Mariapia Cutillo

  

Marcia contro la centrale - Foto di Camillo Fragnito

  

Marcia per il territorio contro la centrale - Foto di Camillo

 

  (altro…)

Read Full Post »

di CARLO PETRINI

L’agricoltura in Italia determina la formazione del 15% del Pil relativo all’agroalimentare, dà lavoro al 4% della popolazione occupata. Gli addetti sono in costante calo: 901mila nel 2008, 924mila del 2007 e 982mila nel 2006. I giovani sono il 2,9% del totale, anche qui, di lunga molti meno che in Francia e Germania (7,5% circa in entrambi i Paesi). Sono dati che dovrebbero calamitare l’attenzione non solo di chi governa, ma in generale di chi vuole comprendere e analizzare le pieghe dell’attuale crisi e, allontanandosi dagli slogan, provare a capire come sta funzionando il Paese in questo periodo, come si stanno comportando le persone, le aziende, i consumi, le vite reali.
Invece un malinteso senso della modernità e del business porta ormai molti politici ad allontanarsi sempre più dalla considerazione dei territori e delle loro peculiarità ed esigenze, per riferirsi esclusivamente ai mercati per lo meno nazionali, ma preferibilmente internazionali. Il che significa filiere lunghissime, trasporti, monocolture, grande distribuzione, necessità di input chimici per le coltivazioni, apertura agli Ogm. Significa, sostanzialmente, ulteriore industrializzazione del modello agricolo: grandi quantità, uniformità, concentrazione e priorità alle esigenze di chi vende piuttosto che a quelle di chi coltiva e consuma. La parola magica è “competitività”, e quindi “export”, ovviamente riferito al “made in Italy”. (altro…)

Read Full Post »